Un tempo trovare una risposta a dubbi e domande che ci attanagliavano la mente non era tanto facile. Per conoscere alcune cose bisognava chiedere a qualcuno che ne sapeva più di noi oppure ci si armava di pazienza, tanta, e si cercavano in libri ed enciclopedie indizi che potessero saziare la nostra sete di conoscenza. Questo comportava fatica e l’utilizzo di una buona dose di tempo, elementi che scaraventano la flebile voglia di apprendimento in un buco nero senza ritorno. Adesso, con l’avvento della tecnologia basta scrivere qualcosa su un motore di ricerca e quest’ultimo ti da la risposta. Un oracolo dell’era moderna a portata di clic. Il problema è che non sempre le risposte che troviamo riescono a soddisfarci o quanto meno non sempre possono essere applicabili alla realtà. A Piera, la cassiera del supermercato Qualunque, piace navigare in internet fondamentalmente per un motivo: non vede gente. Lavorando al supermercato ha sviluppato una forma di demofobia caratterizzata da due componenti principali, l’asocialismo e la misantropia. Internet le permette di fare molte attività che spesso portano a vedere persone, tante persone, a casa sua dove solo al gatto è permesso respirare la stessa aria. Shopping, cibo da asporto e intrattenimento. Dato che Piera è una donna però, internet è diventato anche la sua finestra per curiosare. Tipo nei paesi che ti spiano dalle tapparelle. Ecco perché a volte chiede all’oracolo dell’era moderna cose stravaganti. Quest’ultimo poi gli da delle risposte che come si fa ad ignorare!

L’altra volta abbiamo parlato di come conquistare una cassiera del supermercato che potete leggere qui.

Oggi invece andremo ad analizzare un altro risultato di ricerca scovato nel World Wide Web che dimostra ancora una volta l’abisso che c’è tra il dire e il fare:

COME ESSERE UNA BUONA CASSIERA – 8 PASSAGGI ILLUSTRATI

1 – Sorridi e sii gentile! Se hai una brutta giornata, lascia i problemi a casa e sii affabile mentre lavori, anche con i clienti più scorbutici. Non ti devi far mettere i piedi in testa, ma è molto più probabile che i tuoi clienti siano felici e soddisfatti se sei lenta ma di buon umore anziché veloce ma brusca e maleducata. Se non puoi essere allegra in modo sincero, almeno cerca di farlo e fingi un po’.

cassiera1

2 – Impara le basi del tuo sistema di cassa. Sia che si tratti di una vecchia cassa manuale o di un nuovo sistema informatico, dovresti essere in grado di eseguire tutti i comandi basilari di cui avrai bisogno almeno ogni tre o quattro clienti. Se la tua tastiera ha dei pulsanti veloci per alcune quantità di contante, come 5, 10 o 20 euro, abituati a usarli. Per i primi giorni, rivedi le basi costantemente mentre non sei occupata, e chiedi consigli a una cassiera più esperta per assicurarti di fare tutto in modo appropriato.

CASSIERA 2

3- Impara come agire nelle situazioni che si presentano abbastanza spesso, ma non ogni giorno. Per esempio, se vendi una carta regalo prepagata alla settimana o ogni due, è comunque una buona idea sapere a memoria come fare. È anche una buona idea sapere come procedere in caso di errore o di piccoli problemi – cosa devi fare se dai il resto sbagliato ma hai già chiuso la cassa, se qualcuno vuole un rimborso o se il POS impazzisce? Se questo non faceva parte del corso di formazione, chiedi al tuo capo o a una cassiera più esperta.

CASSIERA3

4 – Impara dove cercare le informazioni giuste nelle situazioni insolite. Non puoi memorizzare tutti i procedimenti, specialmente quelli che magari non ti serviranno mai, ma devi comunque sapere dove cercare le informazioni di cui hai bisogno, ad esempio in un libro guida o un manuale se l’occasione si presenta. È una buona idea quella di dare anche solo una sfogliata all’intera guida, così saprai in linea di massima cosa ci puoi trovare e come utilizzarlo se viene a mancare la corrente e devi cercare qualcosa in magazzino.

CASSIERA4

5- Prendi nota di come i clienti pagano. Uno che paga in contanti deve cercare le monetine, mentre chi paga col bancomat deve inserire il pin e aspettare la conferma prima di andare avanti. Questo è un ottimo momento per fare qualcos’altro mentre aspettano, come per esempio mettere la loro spesa nei sacchetti.

cassiera-che-ride

6 – Impara a conoscere i prodotti del negozio abbastanza bene da saper dare consigli e fare complimenti. Anche se sei solo una cassiera e non ti viene chiesto di lavorare tra gli scaffali, sei pur sempre un dipendente e ti potrebbero essere poste delle domande. Per esempio, informa il cliente che ha appena acquistato un nuovo prodotto che l’acquisto è particolarmente buono o che tu lo consideri uno dei migliori del negozio e che ha fatto un’ottima scelta. Sii sincera riguardo agli elogi e non esagerare, ma un minimo di apprezzamento può dare del valore aggiunto alla merce e rendere il cliente ancora più soddisfatto del nuovo acquisto.

cassiera6

7 – Conta il resto. Quando non c’è molta fila, abituati a contare il resto al cliente anziché semplicemente presentarglielo in biglietti e monete.

cassiera 7

8- Chiama i rinforzi. Se il tuo negozio ha un protocollo da seguire nel caso in cui la fila diventi troppo lunga, chiama aiuto al momento giusto, non devi sbrigare tutta la fila da sola.

cassiera8

Bene. Adesso che avete letto questa fantastica guida sarete delle cassiere del supermercato perfette. Se non rivestite ancora questo ruolo lavorativo ma vorreste forse un giorno farlo, questo è il momento ideale per cambiare idea.

Annunci