expo-logo

Piera è una cassiera del supermercato Qualunque da molti anni. Ha visto cambiare tante cose: la moneta, gli orari, le aperture straordinarie, le trattenute in busta paga, il tempo e anche il modo di fare la spesa. I tempi cambiano e con esso anche le necessità di ognuno di noi e dato che tutti indistintamente abbiamo bisogno di mangiare cosa più del supermercato ha bisogno di un costante Upgrade? Piera è una cassiera da talmente tanto tempo che anche quando è in ferie non può fare a meno di essere la signorina camiciata che batte gli articoli a suon di BIIIP. La Cassiera del supermercato quando è fuori sede, in borghese, diventa un ispettore supercriticomegarompimaroni che bazzica in svariati supermercati con occhio attento e critico risollevandosi l’animo ogni volta che constata che il supermercato perfetto (inteso come ambiente di lavoro) non esiste, ecco perché quando Piera ha letto che ad EXPO Milano 2015 c’era il prototipo di un Supermercato del Futuro non ha potuto fare a meno di andare.

Jpeg

Partiamo subito con la nostra DeLorean simbolica e intraprendiamo insieme a Piera questo viaggio nel futuro. Si ma cos’è sto traffico?

Sappiate che per entrare nel supermercato del futuro si deve fare la fila. Come se uno alla vigilia di Natale deve aspettare a -10 gradi fuori dal supermercato e attendere che l’omino della security conceda l’ingresso come in discoteca. In questo modo le cose sono due, o ti passa la voglia di fare la spesa e ti vai a mangiare il polpettone dalla suocera o, nota decisamente positiva, all’interno del supermercato non si creano le mandrie migratorie tra un corridoio e l’altro, quindi fare la spesa in futuro dovrà essere qualcosa che permette di uscire illesi senza contusioni o bambini smarriti.

Il supermercato del futuro

Eccoci entrati. Subito Piera nota una cosa che le fa molto piacere dato che sulla carta di identità sotto la voce segni particolari ha scritto “Sembra uno Hobbit tant’è bassa“. Nel supermercato del futuro si dirà addio a quei scaffali alti ed infiniti che per arrivare a prendere un barattolo di fagioli devi cercare un Watusso per tutto il negozio, che se poi non lo trovi ti arrangi e vai nel negozio sportivo a comprarti corda e piccone.

Il supermercato del FuturoL’altra cosa positiva alla quale già qualche supermercato ha pensato è che i banchi frigo e freezer saranno dotati di una porticina in modo da ottimizzare gli sprechi di dispersione ed evitare ricoveri per congestione in seguito all’acquisto di una semplice mozzarella. Anche le bibite saranno conservate nel frigorifero per la gioia di tutti gli assetati. Ma il futuro è lì dietro l’angolo. Lì guarda! Poco più avanti. Ecco proprio lì!

Nel supermercato del futuro scordatevi le etichette. I prezzi saranno esposti in costosissimi touch screen! Ogni monitor riporta l’immagine del prodotto con il relativo prezzo e descrizione bilingue.

Jpeg

Questo sistema diventa molto interessante quando ci si reca nel reparto ortofrutticolo, gastronomico e ittico dove nei monitor si conosce la provenienza di ogni articolo con relativa mappa, nel caso non sappiate dove si trova lo Zambia, e l’impatto ambientale.

Il Supermercato del Futuro

Oltre che alla provenienza dei prodotti però possiamo anche vedere i suoi valori nutrizionali. La cosa interessante è che i monitor sono muniti di un sensore così che quando prelevi dallo scaffale un prodotto quest’ultimo se ne accorge e lì in alto mostra bello in grande che tu hai preso le prugne secche, quelle biologiche che fanno più effetto, in modo tale che tutti lo possano vedere, anche la signora Sarchioni che soffre di stipsi, ma anche la dozzina di altre persone presenti lì in quel momento.

Jpeg

Se per i valori nutrizionali di una pesca non ci scandalizziamo quando giungiamo nel reparto leccornie tempestivamente si viene travolti da una depressione buia e profonda. Già il fatto che i monitor riflettano più degli specchi di casa è avvilente, tipo che se sei uscito di casa senza pettinarti ci pensano loro a ricordartelo ogni secondo, se ci mettiamo anche il fatto che quando arrivi tra le caramelle e il cioccolato l’acquolina ti fa sbavare come un Dobermann è la fine. Ok che prima hai preso le prugne secche bio, però quando scorgi una barretta al triplo cioccolato con noci intere la voglia di schifezze ti viene per forza. Il problema è che quando avvicini la manina TAC! il monitor ti avverte che il contenuto per 100 grammi di prodotto ha un valore calorico che puoi smaltire con un’ora di corsa in salita sulla sabbia e mentre guardi la tabella vedi la tua espressione basita da pazzo furioso riflessa davanti ai tuoi occhi. Orribile. Un’esperienza orribile.

Per fortuna che ci sono le mani bioniche della frutta e verdura che ti consolano. Ti fanno un frullato sul momento e con un monitor ti aiutano con ricette di dolci (a volte meno calorici) elencandoti gli ingredienti che ti servono.Supermercato del Futuro

A proposito di braccia, parliamo di come sarà nel futuro la manovalanza. Quale manovalanza? Ecco, appunto. Nel supermercato del futuro a quanto pare non si spiana, tecnica nota a chi lavora tra gli scaffali di un supermercato d’oggi utilizzata per rendere i prodotti sui ripiani omogenei, ma questi son dettagli tecnici. Le uniche mani che vanno e producono, quelle con i calli per intenderci, sono quelle della salumeria, della panetteria e mani invisibili, anonime di chi ogni tanto riempie i buchi che si creano tra gli scaffali.Il supermercato del futuroTuttavia lo scopo del viaggio di Piera è un altro, vuole vedere cosa le riserba questo futuro e dare una risposta alla domanda: come sarà la cassiera del futuro?

Un supermercato senza cassiera è come le Mauritius senza il Dodo.

Come?

Il Dodo è estinto?

Davvero?

Il Supermercato del Futuro
Poi non si venga a dire che le code si creano perché le cassiere sono lente.

Il Supermercato del futuro

Dove sono le cassiere? Stanno seguendo il consiglio di Alan Kay apportando qualche modifica all’aforisma: “si stanno inventando un lavoro per predire il proprio futuro“.

Secondo voi come dovrebbe essere il Supermercato del futuro? Commenta qui sotto!

Annunci