Questo 2015 è stato un anno, come lo sono stati il 2014 e il 2013 prima di lui. Adesso che siamo oramai giunti alla fine è arrivato il momento di tirare le somme. Cosa è successo?

Per Le Confessioni di una Cassiera è stato un anno di crescita. Il blog, creato nel 2014, ha iniziato ad ingranare e anche se gli articoli non sono stati molti vi hanno fatto capolino delle divertenti vignette con protagonista Piera, la cassiera del supermercato Qualunque. Questo personaggino è nato un po’ per scherzo; continuavo a chiedermi come rappresentare al meglio lo spirito di una cassiera, ancor più di singole frasi o di discorsi scritti ed ecco che un giorno, ripensando a ciò che avrei voluto fare tanto tempo fa, prima di diventare una cassiera, mi sono detta “Perché non disegnare?“. Ecco che è nata La Vignetta del Lunedì  dove Piera è alle prese con svariate situazioni, diciamo un po’ particolari, nella quale molte cassiere senza dubbio si rispecchiano (ma anche chi la cassiera non la fa). Mi rendo conto di non essere una professionista, per carità, ma da quando c’è Piera tutto è cambiato. Mi sta talmente simpatica che mi sono tagliata i capelli come lei, pensate un po’.

Navigando su internet e grazie a delle segnalazioni di amici ho trovato degli articoli dedicati al mondo della grande distribuzione, linee guida generali su come ad esempio conquistare una cassiera del supermercato o su come divenire un’ottima cassiera, probabilmente scritte da chi dietro una cassa non c’è mai stato. Questi articoli scovati nel web sono stati rivisitati da Piera e descritti dal punto di vista di una che dietro la cassa del supermercato ci passa molto tempo. (trovate gli articoli qui e qui)

Oltre Piera e le sue avventure ci sono stati anche i 100 Modi per lasciare una cassiera senza parole (trovate gli articoli qui e qui) che hanno riscosso un successo incredibile, talmente tanto che in parte sono stati plagiati da anonimi del web (trovate l’intera vicenda qui). Le 100 castronerie sentite tra le file del supermercato ci hanno tenuto compagnia da aprile fino agli inizi di dicembre su Facebook e su Instagram con l’hashtag #100modiperlasciareunacassierasenzaparole.

Le Confessioni di una Cassiera è sbarcata anche su Radio 2 con una breve apparizione nella trasmissione estiva I due di Radio 2  e ha ottenuto un trafiletto dedicato su Il Venerdì di Repubblica. Piccole soddisfazioni che forse mi aiutano a convincermi che impilare barattoli sugli scaffali e battere a scanner articoli non sono le uniche cose che so fare.

In questo 2015 ho anche portato avanti un progetto segretissimo, noto solo a pochi, che probabilmente verrà alla luce nei primi del 2016. Un buon motivo per continuare a seguire questo blog e la pagina facebook. Le sorprese saranno molte. Quindi cosa ci aspetta in questo 2016 ormai alle porte?

Credo che non mancheranno le vignette con le avventure di Piera, la paladina della cassa. Probabilmente ci saranno i nuovi 100 modi per lasciare una cassiera senza parole, la conclusione dei 10 modi per morire al supermercato, le liste della spesa più strane trovate al supermercato (raccolta di immagini già presente sulla pagina facebook da tempi immemori, ma con nuove liste e una rubrica vera e propria dedicata) e se troverò altri articoli stravaganti sul web, Piera non mancherà nel dire la sua.

Prima di concludere questo ultimo articolo del 2015 volevo ringraziare tutti voi che mi seguite, che mi sostenete e che mi raccontate le vostre disavventure. Questa pagina, questo blog, questo nome è diventato quello che è anche grazie a voi.

Spero che le sorprese che ho in serbo per voi vi sorprendano e vi piacciano.

Adesso vado a prepararmi che devo andare ad impilare barattoli. Vi lascio con le vignette più “mipiaciute” del 2015.

Ciao!

a-Natale-puoi.jpg

Santa-Pazienza.jpg

ascelle oms

Sailor-Cashier.jpg

 

 

Annunci