Se aderisco ad uno sciopero possono licenziarmi?

No. Il licenziamento da parte del datore di lavoro per sciopero è illegittimo a patto che quest’ultima sia una manifestazione finalizzata a tutelare l’interesse collettivo dei lavoratori.

Anche se non faccio parte di un sindacato posso scioperare?

Sì. Scioperare è riconosciuto dallo Stato come “diritto personale di esercizio collettivo” quindi essendo un diritto, in quanto tale, il dipendente può avvalersi dell’utilizzo di esso senza dover incorrere a disciplinari quali licenziamento, lettere di richiamo, mobbing. Lo sciopero tuttavia non deve ledere ai diritti di nessuno quindi quest’ultimo non deve minacciare la produttività dell’azienda o provocare danni ad impianti rendendoli inutilizzabili in modo parziale o totale.

Devo dare il preavviso in azienda se voglio aderire allo sciopero?

Ni. Il preavviso non è un requisito generale di legittimità dello sciopero, quindi potete aderire allo sciopero anche all’ultimo momento, tuttavia dare un preavviso di almeno qualche giorno favorisce l’azienda all’organizzazione dell’organico nella data dello sciopero e voi, in quanto il vostro datore di lavoro avrà così modo di valutare che la vostra assenza sarà giustificata e lecita.

Cosa accade alla retribuzione?

Il dipendente che aderisce allo sciopero non ha il diritto alla retribuzione di conseguenza verranno trattenute le giornate lavorative per la quale si è mancati per sciopero.

Le festività che cadono nello sciopero non sono pagate.

Il dipendente che aderisce ad una mobilitazione che duri meno della normale giornata di lavoro non perde la retribuzione, anche se sul tema ci sono versioni contrastanti.

 

ATTENZIONE! Le seguenti risposte sono valide per i lavoratori del settore privato.

 

Annunci