Ritorna la Rubrica di Le Confessioni di una Cassiera dove Piera, l’ormai famosa cassiera del supermercato Qualunque, risponde alle domande più frequenti riguardanti il lavoro nel settore del GDO.

Dato che Dicembre, come ben sappiamo, è un mese pieno zeppo di festività, perché non affrontare l’argomento che riguarda il lavoro festivo?

In queste settimane c’è stato un gran parlare sul fatto se sia giusto o no tenere aperti supermercati e centri commerciali nei giorni festivi e come ormai siamo abituati, i pareri sono sempre più discordanti. C’è chi afferma che il servizio che forniscono tali attività commerciali sia indispensabile  e chi invece dice che la medesima cosa sia un’ingiustizia ed un vizio alla quale ormai non si riesce a fare a meno.

Non voglio dilungarmi su questo argomento della quale si è già discusso abbastanza, bensì voglio dare una risposta ad alcune domande che con molta probabilità qualcuno di voi si è chiesto e che potrebbero esservi utili.

 

Lavorare nei giorni festivi è obbligatorio?

No. Sia ben chiaro. I giorni festivi, quelli evidenziati in rosso nel calendario, sono facoltativi. I lavoratori potranno rifiutarsi di effettuare le prestazioni lavorative in tutte le festività senza incorrere a nessuna sanzione da parte del datore di lavoro.

Un dipendente è tenuto a lavorare nei seguenti giorni solo se presente nel contratto di assunzione. Sebbene la domenica sia un giorno rosso, nei contratti degli ultimi anni (all’inizio solo i part-time, ma adesso anche chi svolge la mansione a tempo pieno) l’orario di lavoro è distribuito su 7 giorni comprendendo la domenica. In questo caso se il dipendente ha firmato il contratto con questa dicitura la domenica è obbligato a lavorare.

Il giorno festivo non lavorato è retribuito?

Sì. Il giorno festivo non lavorato è un giorno di riposo goduto. L’unica differenza è che il lavoratore pagato in maniera fissa viene pagato 1/26 della paga mensile invece al dipendente con un contratto a ore spetta la retribuzione ragguagliata ad 1/6 dell’orario settimanale.

Se ho la domenica come giorno di contratto mi viene pagata la maggiorazione?

Sì, del 30%.

Quanto viene retribuito il lavoro festivo?

La giornata lavorativa svolta durante una festività viene retribuita con lo stipendio base giornaliero più la maggiorazione del 30%.

Nota: Se il vostro contratto prevede la giornata lavorativa vi sarà pagata la giornata più la maggiorazione. Se invece il vostro è un contratto retribuito ad ore vi saranno pagate le ore che avrete svolto durante la giornata festiva più la maggiorazione.

Se la festività cade in un periodo di ferie, maternità o di malattia?

Quando il giorno festivo cade durante un periodo di assenza da lavoro, il trattamento previsto per la festività rimane invariato.

Chi può rifiutarsi di lavorare nelle domeniche o nei festivi?

– i genitori di minori al di sotto dei 3 anni;

– i dipendenti che assistono portatori di handicap, se conviventi;

– i lavoratori che assistono persone non autosufficienti, titolari di assegno di accompagnamento, qualora conviventi;

– i dipendenti portatori di handicap grave secondo la Legge 104 [2];

– altre categorie di lavoratori, secondo quanto stabilito dal secondo livello di contrattazione.

 

Spero che queste informazioni possano esservi utili. Se avete correzioni da applicare all’articolo o domande aggiuntive che non sono state prese in considerazione inviate una Email a leconfessionidiunacassiera@gmail.com

 

Annunci